Il Viaggio è vita concentrata

By monossido On novembre 27th, 2012

Quest’anno il gruppo non ha viaggiato insieme, ma ha seguito strade separate, la mia mi ha portato da solo in bici in Croazia. Al ritorno non ne è nato (ancora) un articolo sul viaggio in terra croata, ma uno sul Viaggio in generale.

Mi chiedevo cosa sia il Viaggio e, più in senso lato, cosa sia la vacanza. Cosa ci spinge a prendere e partire. Sono delle semplici parentesi che ci concediamo per staccare dalla vita di tutti i giorni? È il frutto di una omologazione?

Non credo, credo piuttosto che il viaggio sia un prolungamento della vita, uno specchio della stessa concentrata in pochi giorni.

Islanda, la strada

Islanda 2010, la strada

Forse non ce ne accorgiamo, forse veramente per qualcuno è solo questione di staccare, o di seguire la massa, ma credo che quando scegliamo (anche inconsciamente) il tipo di viaggio da fare noi stiamo scegliendo in realtà il nostro stile di vita, la rappresentazione della strada che abbiamo intrapreso o intraprenderemo nella nostra vita.

Lo stile della vacanza che andrai a fare sarà una delle poche cose nella vita che dipende quasi esclusivamente da te, niente e nessuno dovrebbe condizionare la tua scelta, perchè il viaggio è libertà, a partire da quando scegli la meta, o il mezzo.

In quelle settimane hai l’occasione di dimostrare cosa cerchi e cosa per te è importante a questo mondo. E se parti conoscendo già cosa troverai, con tutto programmato e deciso, vorrà dire che credi di sapere già cosa vuoi dalla vita e quindi dal viaggio.

Ma c’è chi invece rimane affascinato dall’idea di partire per andare alla ricerca di queste cose e di se stesso. Parti anche per capire cosa vorrai fare una volta tornato, parti per trovare la tua direzione (“…impara la tua direzione da gente che non ti somiglia” I mercanti di liquore, Il Viaggiatore).

Ecco che il Viaggio itinerante vuol dire ricerca, ricerca del nuovo; il Viaggio senza comodità, in tenda, a piedi o in bici vuol dire avventura, mettersi alla prova, affrontare le difficoltà; il Viaggio lontano dalla civiltà è amare la natura e scoprire se stessi; il Viaggio a contatto con la gente è la voglia di scoprire il mondo ecc…

C’è un altro significato che do alla frase nel titolo, riguarda solo il  Viaggio vero, quando si mollano le comodità della vita moderna e si vive lungo la strada.

Qui tutto torna ad una dimensione di vita che si tende a dimenticare, quella per cui giornalmente devi pensare a come e dove mangiare e bere, a cosa fare, a dove fermarti a dormire, a come soddisfare i bisogni di prima necessità, si torna a vivere la giornata. In questa dimensione tutto è più semplice, meno complesso, ma non per forza facile, anzi.; ed è così che torni a riuscire a stupirti con poco grazie a cose semplici come un pasto caldo o un frutto raccolto (dipende dalle temperature), un tramonto, una chitarra o un vecchietto curioso.

È in questa dimensione che impari a conoscere il mondo, la natura ed è così che torni a fare pace con “signora libertà, signorina fantasia“.

Il viaggio come ritorno alle origini, un ritorno alla vita, ad una vita concentrata. Una vita fatta da meno “tailleur grigio fumo” e da più “venti della sera”. (Se ti tagliassero a pezzetti, De Andrè / riferimento)

Posted from Padua, Veneto, Italy.

Onlinerel Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google Yahoo Buzz StumbleUpon

Ireland, simply.

By monossido On novembre 10th, 2011

Articolo pubblicato precedentemente sul mio blog, lorenzobraghetto.com

Premessa

Quest’estate sono stato in Irlanda (ne avevo scritto prima di partire) ben 20giorni, dal 26 luglio al 14 agosto, con la stessa combricola dell’Islanda che sta dietro alla creazione di quasiarrivati.com.

Già dal giorno stesso in cui sono rientrato a casa (siamo atterrati in Italia verso pranzo) mi ero ripromesso di scrivere un post a riguardo, un po’ come feci con l’Islanda. Apettavo il momento giusto, quando avrei avuto un po’ di calma e tranquillità. Sapevo però che più passava il tempo meno sarei stato ispirato e l’ispirazione è una componente fondamentale sia per avere la voglia di scrivere che per scrivere bene. Ed è per questo che non ho scritto niente fino ad ora.

Comunque sono qui, dopo quasi tre mesi, a tentare di scrivere qualcosa, probabilmente ne nascerà un post più razionale e meno istintivo di quello dell’anno scorso. Comunque come dissi nel caso del post sull’Islanda: “Devo scrivere dell’Islanda, voglio scrivere dell’Islanda…! Fra qualche anno rimarranno solo le foto e i miei ricordi, sempre più flebili.”

Partiamo con una piccola premessa, forse aver fatto prima il viaggio in Islanda e poi quello in Irlanda non ha aiutato più di tanto a godere della natura e dei panorami irlandesi :) . Semplicemente perchè i migliori panorami Irlandesi assomigliano in qualche modo a quelli Islandesi, principalmente per la mancanza di alberi e abbondanza del verde dell’erba o del muschio, penso alle scogliere Irlandesi ovviamente. Il problema però è che il paragone purtroppo non regge ed è totalmente a favore dell’isola dei ghiacci; per questo dico a chi è andato in Irlanda ed è rimasto colpito dai panorami offerti, andate in Islanda! ;)

Cerco comunque di non lamentarmi troppo, i paesaggi irlandesi sono assolutamente notevoli, il problema è che vanno ricercati con attenzione, scegliendo posti famosi per questo o seguendo consigli di chi li conosce già. In Islanda invece questo problema non l’abbiamo avuto nonostante ci muovessimo a piedi e molto meno in autobus.

Paesaggi e bici

Un esempio può essere la Ring of Kerry, un bel giro che percorre in circolo l’omonima penisola. Viene percorsa sia a piedi che in bici. Noi l’abbiamo fatta in bici (fortunatamente visto che anche i percorsi a piedi, pur tagliando, comprendevano molta strada asfaltata, cosa che non sopporto) e posso dire di essere stato colpito giusto da una spiaggia per la parte nord, dal parco naturale verso sud-est alla fine del giro (che purtroppo abbiamo fatto di corsa devo ancora capire perchè) e dalla parte più a ovest di tutta la penisola (che è anche la parte più a ovest di tutta l’Irlanda), compresa una piccola isoletta raggiunta solo da un traghetto.

Questa parte più a ovest del giro è stata la più bella (dopo il parco forse) e nonostante ciò di solito non viene indicata dal giro classico della ring of kerry, ma viene considerata un’estensione per chi ha più tempo a disposizione; per il resto i panorami offerti non erano particolarmente degni di nota.

Piccolo appunto riguardo il Viaggio in bici, assolutamente eccezionale, riesce a darti un senso di libertà ancora più grande del muoversi a piedi perchè riesci ad essere più autonomo negli spostamenti e nel frattempo continuare a basarti solo su te stesso, il tuo fisico, la tua forza di volontà e giusto un semplice mezzo meccanico facilmente gestibile da chiunque.

Le città, i villaggi e il vero spirito irlandese

Questo tema del sapere bene dove andare e dove cercare i posti più belli si ripete anche nelle città Irlandesi, facendo sempre il paragone con l’Islanda questo va imputato semplicemente alla maggior popolazione Irlandese e alla maggior contaminazione del mondo globalizzato che si scontra con le tradizioni.

Parlo principalmente del luogo sacro per ogni irlandese e autentico punto di incontro per l’intera comunità, che sia un villaggio, una piccola città o un quartiere di Dublino, il pub.

Riconosci subito se sei entrato in un pub per turisti o in un vero pub tradizionale da 3 cose:

  • L’ora di chiusura, i pub tradizionali credo non rimangano tanto aperti dopo mezzanotte, massimo una.
  • Presenza o meno di bambini e di persone non proprio più giovanissime, si in un pub tradizionale puoi incontrare mocciosi che scorazzano fra i tavoli.
  • Tipo di musica, live? Tradizionale? Strumenti classici irlandesi?

Questo l’abbiamo imparato pian piano e per quanto mi riguarda un po’ di rimpianto per non aver capito subito di dover puntare ai pub tradizionali ce l’ho. Spesso però sorgevano problemi logistici, da bravi italiani ci piace mangiare tardi e chiaccherare attorno alla tavola (o al fornellino :) ) per questo gli orari di chiusura a volte ci stavano stretti, oppure semplicemente il luogo dove si piantava la tenda era lontano rispetto il pub.

Nei piccoli villaggi di pescatori, che in estate si riscoprono dediti al turismo, la sera, dopo che gran parte dei turisti hanno deciso di fermarsi per la notte in qualche città più grande, puoi assistere a scene straordinarie; le strade completamente vuote, la nebbia che sale dall’oceano e i pub colmi di Irlandesi brilli che bevono e ascoltano musica tradizionale assieme a qualche timido viaggiatore che invece ha capito che il vero spirito irlandese è lì, in quella pinta di Crean’s e in quel Tin Whistle.

La gente

Se venti giorni non sono bastati ad avere un’idea completa (nei limiti ovvi di un semplice viaggio) di come siano gli Irlandesi è solo colpa nostra, un’impressione però me la sono fatta, sono gente semplice, orgogliosa, estremamente socievole, ma anche discreta. Basta dire che più di una volta ci siamo ritrovati a campeggiare in zone non proprio consone nei pressi di piccole e grandi città (grandi per l’Irlanda, non Dublino) e nessuno ci ha mai creato problemi, nemmeno la polizia stessa. Quando chiedavamo a qualcuno se l’idea di campeggiare in questi posti fosse o meno una buona idea ci rispondevano che si, probabilmente non era legale, ma che nessuno sarebbe venuto a crearci problemi.

Inutile dire che quando ci è capitato di chiedere ad un contadino, in mezzo alla campagna del Connemara, se era possibile usare il suo prato inutilizzato come posto per campeggiare ci ha risposto di si, chiaramente felice di poter essere utile!

Un altro evento che ci ha permesso di conoscere un po’ meglio gli Irlandesi è stato a Dingle (ovest dell’Irlanda), quando un pescatore aggirandosi per il campeggio regalava pesce, dei piccoli sgombri, perchè ne aveva pescato troppo. Gentilmente noi rifiutammo perchè con un semplice fornello, tecchie e senza condimenti non avremo combinato un gran che; a quel punto però un ragazzo di Belfast, con moglie e figlio nostri vicini di tenda, prese il resto del pesce e insistette perchè quello in più lo cucinassimo pulito, speziato e imburrato da lui. Potevamo dire di no? :)

Informali è un’altra definizione di questo popolo sentita direttamente da un Irlandese, che parlava un discreto italiano, in un pub di Dublino (il Cobblestone, forse uno dei migliori pub in cui siamo stati, consigliato da un ragazzo di lì incontrato ad una stazione degli autobus fra Dingle e Cork). Era un amante dell’Italia e sosteneva che i nostri due popoli si assomigliassero molto proprio per questa attitudine ad essere semplici e informali.

Volete un esempio di quello che vi ho detto verificabile facilmente da casa? Oltre alla musica Irlandese in generale, ascoltate Whiskey in the Jar, parla di un bandito irlandese che derubò un funzionario corrotto, ovviamente inglese, e finì in prigione perchè tradito dalla moglie/amante; nonostante ciò…there’s whiskey in the jar! :) (la tematica della canzone in realtà è ben più profonda ed è spiegata qua)

Only the Irish could make a happy song about a man sitting in prison, betrayed by his woman, and still make it cheerful. On the other hand: There´s whiskey in the jar!

commento su youtube

Insomma in Irlanda più che in altri posti bisogna saper vivere la terra, il popolo e le tradizioni mischiandosi con chi vive in quei posti. E se da un certo punto di vista questo non è per nulla difficile, basta entrare in un pub con lo spirito giusto visto che statisticamente è difficile non conoscere qualcuno, bisogna comunque organizzare e iniziare il viaggio con questo spirito.

Tipo di Viaggio

La nostra tipologia di viaggio è stata sicuramente particolare, siamo riusciti a incarnare un po’ tutti i tipi di viaggiatore, dagli sporchi e cattivi “trekker” che camminano in mezzo al fango, ai cicloturisti da decine di km al giorno, ai turisti da grandi spostamenti in autobus, a chi preferisce la tenda e sacco a pelo al materasso, a chi preferisce l’ostello all’hotel, al classico turista della fabbrica Guinness e dei musei. Mancava solo l’autostoppista (purtroppo :( …ho cercato di convincere i compagni ma non tutti erano d’accordo) e il canoista ;) (c’era una mezza intenzione di farlo) . Mi reputo sicuramente fortunato a riuscire e ad avere la voglia di fare questo tipo di viaggi, il 98% delle persone si sogna queste cose.

Sconsiglio comunque l’Irlanda a piedi, o meglio non consiglio di incentrare tutto un viaggio su quello (altra sostanziale differenza con l’Islanda). Naturalmente non l’ho vista tutta, ma noi abbiamo fatto un pezzo di Connemara, la western way, 3 giorni di cammino da Oughterard a Leenaun, belli sicuramente, anche faticosi (l’ultimo 12 ore di cammino), ma originariamente dovevano essere almeno 5 con arrivo fino a Westport.

Perchè? Principalmente perchè non stiamo parlando dell’Islanda, ne delle nostre dolomiti, poi perchè, come ho detto, lo spirito Irlandese è in altri luoghi. Inoltre c’è il meteo.

Io non odio particolarmente la pioggia, i giorni della pioggia da 10 minuti e via non rappresentavano alcun problema. Se però piove veramente tutto il giorno, psicologicamente ne risenti, soprattutto se  tu sei lì a faticare. Tutto il giorno sotto la pioggia, mangi riparato sotto un albero, lavi le tecchie bagnato fradicio, la sera pianti la tenda velocemente, ti butti dentro e non esci più, cucini in abside e ti addormenti alle 9. Sembra una cosa terribile, ma se fatta una volta può anche essere una discreta figata. Il problema è il giorno dopo, quando ti svegli e senti il rumore delle gocce sulla tenda, esci già tutto bardato, fai lo zaino costantemente umidiccio (se sei stato bravo a non bagnarlo completamente) e ti rimetti in cammino dove ti porta il vento…o dove vedi un po’ meno nuvole.

Giusto per essere chiari non è stato sempre così, solo qualche giorno lo era, ma guardacaso proprio i giorni in cui siamo andati a camminare :) (dipende molto dalla zona, Dublino è meno piovosa).

Altro cosa che non mi sento di consigliare, se non agli amanti del genere, è la tenda; da un certo punto di vista c’è il grosso vantaggio di poterla piazzare dove si vuole se ci si trova in campagna, sia in bici che a piedi, come ho detto basta bussare a qualche casa di proprietari di un qualche campo e grossi problemi non ce ne sono, da un altro punto di vista però i campeggi non sono assolutamente pensati per chi si muove in tenda, ma più per chi si muove in camper. Generalmente il prezzo è altino, nelle medie e grandi città spesso sono lontani, cucine non ce ne sono, ma tanti microonde, dispense, lavatrici, asciugatrici, frigo e a volte anche freezer; insomma l’impressione è che i servizi fossero incentrati su chi si ferma a lungo nello stesso posto. In generale comunque poche tende e tanti camper.

Assolutamente positive le esperienze con gli ostelli, sia l’ostello dove siamo stati a Dublino che soprattutto gli ostelli con spazio per la tenda. Questi ultimi ti permettono di spendere come un campeggio, ma di avere accessi a tutti i servizi in condivisione di un ostello. Non se ne trovano molti purtroppo ma vale la pena tenere sempre sott’occhio gli ostelli nelle guide anche se avete una tenda.

Il modo più diffuso di pernottare in Irlanda è senza dubbio il Bed & Breakfast, ce ne sono veramente uno ad ogni angolo, purtroppo noi non li abbiamo provati, sicuramente costano più dei campeggi, ma alcuni consigliano di sfruttare a pieno le laute colazioni e saltare il pranzo. Forse un misto di B&B e di tenda nei posti più sperduti o quando si vuole risparmiare può essere l’ideale.

Le città

Qualche appunto sulle 3 grandi città che abbiamo visitato:

  • Galway:
      • “Nice”, giovanile, ma molto “continentale” e turistica, poco Irish, almeno per quanto riguarda il centro. Tanti ristoranti (turistici) e tanti musicisti di strada.
      • Abbiamo mangiato al Finnegans Corner, forse uno dei pochi ristoranti Irish, consigliato dalla Lonely Planet, non troppo costoso. Ho mangiato Salmone affumicato (foto foodspotting, voto 8) e Sheppards Pie (foto foodspotting, voto 6- ) consigliato.
      • Birra tipica locale, la Hooker (si trova solo lì).
  • Cork
      • Città molto moderna con un grande centro città, gli abitanti ci tengono a far sapere che è molto più pulita e con meno criminalità di Dublino :) . In centro solo esclusivamente locali moderni e turistici, uscendo si trovano pub tradizionali, ma proprio qui abbiamo capito che chiudevano a mezzanotte-una.
      • Molto bello l’English Market, un classico mercato al coperto in centro.
      • Birra tipica locale, Beamish, diretta concorrente della Guinness!
  • Dublino (in poche parole)
      • Qui, ovviamente, più che in altri posti, il turista consapevole deve stare particolarmente attento a non accontentarsi delle attrazioni turistiche. Un salto di venerdì/sabato sera nel quartiere Temple Bar è naturalmente d’obbligo, ma i veri pub anche qui sono più fuori dal centro.
      • Fastfood e negozi di souvenir ad ogni angolo, autobus dappertutto, discreto casino, possibilità di incontrare gente poco raccomandabile (prima sera in pieno centro un tipo ci insegue urlandoci non so cosa). Ovviamente più popolata quindi più giovani e più incontri nei pub.
      • Qui si beve la vera Guinness direttamente dalla fabbrica, il tour dentro all’edificio a forma di pinta è un must, abbastanza turistico ma ne vale la pena. Alla fine all’ultimo piano hai una panoramica a 360 gradi su Dublino.
      • Ancora meglio secondo me il tour alla fabbrica del whiskey Jameson, tour guidato a differenza di quello della guinness, più corto ma più interessante. A qualche volontario scelto fra il pubblico (presente! :) ) viene data la possibilità di assaggiare una versione più rinomata del Jameson e confrontarlo con dello Scotch scozzese e del Jack Daniel’s Americano.
      • Mangiata una full irish breakfast al Kingfisher (foto foodspotting, voto 7).

Altre cittine degne di nota:

  • Killarney
      • Ci siamo passati più volte, città di smistamento per la ring of kerry e la dingle penisola. Dormito 2 volte, se si è in tenda campeggiare nel parco vicino al centro città sembra essere una prassi :) .
      • Mangiato prima al Caragh Resturant una Seafood Chowder (foto foodspotting, voto 7+), poi al Sceal Eile Restaurant un BLT (foto foodspotting, voto 8).
  • Dingle
      • Città portuale, con pub tipici, bell’ostello con prato per tende.
      • Birra tipica, messa in commercio solo da luglio 2011, Crean’s, si trova ovviamente solo qui (e nemmeno in tutti i pub).

Io

Riguardo questioni un po’ più personali posso dire che sono rimasto molto sopreso dal fatto che, tornato a casa, non ero assolutamente pronto per rimanerci, mi sarei rimesso in viaggio subito; è strano perchè tornato dall’Islanda non mi era successo.

Riguardo viaggi futuri annuncio qui :) che il prossimo viaggio lo farò da solo, probabilmente in bici! E già da quando ero lì che ci penso. Non so ancora dove.

Ho scritto un poema, lo so. Se avete letto fino in fondo non posso che farvi i compliementi ;) .

P.S. Aneddoto, a Cork abbiamo attaccato bottone con un gruppo di ragazzi che abitavano lì, ad un certo punto della conversazione mi hanno detto “You look irish!”

Ecco l’album pubblico delle foto su Google+.



Posted from Padova, Veneto, Italy.

Onlinerel Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google Yahoo Buzz StumbleUpon

Western way

By monossido On agosto 9th, 2011

Più di 50ore di pioggia negli ultimi 3 giorni ci hanno ricordato quanto fosse simpatico il tempo irlandese :) .
Grazie al nostro equipaggiamento (thanks quechua) siamo riusciti ad affrontare ogni difficoltà, nonostante pioggia ininterrotta, chilometri di fango e le tante ore di cammino abbiano tentato di rallentare la nostra avventura.
Dopo questa ultima fatica lasciamo il Connemara per fare i turisti a Galway, Cork e Dublino.

The last three days remembered us how funny can be the Irish weather; in fact it rained for about 50 hours.
Despite the everending rain, kilometers of muddy trail and many hours of walking, thanks to our equipment we were able to face up every trouble.
Now it’s time to say goodbye Connemara relax and enjoy the biggest Irish city: Galway, Cork and Dublin.

image

Onlinerel Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google Yahoo Buzz StumbleUpon

The cliffs

By monossido On agosto 4th, 2011

After days spended crossing the island, today we finally hand our first day like turist visiting the Cliffs of Moher.
Unfortunally the morning was too foggy but in the afternoon the view was partially clear (pics!).
Now road to Galway! See ya!

Dopo giorni passati ad attraversare l’isola in bicicletta, oggi ci siamo mischiati con la massa di turisti e abbiamo finalmente visitato le Cliff of Moher.
Purtroppo al mattino la nebbia non ci ha permesso di vedere nulla ma verso mezzogiorno si è parzialmente diradata (pics!)

image

Onlinerel Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google Yahoo Buzz StumbleUpon

Le prime scogliere

By monossido On agosto 2nd, 2011

image

image

Finita la ring of kerry in 4 giorni, oggi abbiamo preso l’autobus alla volta di Dingle e abbiamo completato un giro della parte più ovest della Dingle peninsula.
Qui il paesaggio è cambiato radicalmente e finalmente abbiamo incontrato le prime scogliere.

Onlinerel Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google Yahoo Buzz StumbleUpon

Totally illegal.

By Dodo On luglio 31st, 2011

image

image

Primo campeggio improvvisato del viaggio. Gli autoctoni però ci hanno accolto lo stesso ;D

Posted from Padova, Veneto, Italy.

Onlinerel Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google Yahoo Buzz StumbleUpon

Level up

By monossido On luglio 29th, 2011

Inizia l’avventura su due ruote. I 20kg sulle sacche si fanno sentire ad ogni pedalata, ma il morale è alto e lo sguardo è fisso all’orizzonte :)

image

Posted from County Kerry, Ireland.

Onlinerel Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google Yahoo Buzz StumbleUpon

The first one

By monossido On luglio 29th, 2011

Il primo ma non l’ultimo.

image

Posted from County Kerry, Ireland.

Onlinerel Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google Yahoo Buzz StumbleUpon

Ireland, here we are

By monossido On luglio 26th, 2011

Atterrati sani e salvi in terra gaelica, per non perdere le buone abitudini islandesi ci siamo messi a pranzare ora, 19 ora locale.
Per ora l’impatto con i campeggi irlandesi non regge il confronto con quelli islandesi. Miracolosamente però non piove, anzi, Umberto ha già rimpianto la crema solare.

image

Posted from Dublin, County Dublin, Ireland.

Onlinerel Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google Yahoo Buzz StumbleUpon

Il cielo d’Irlanda

By monossido On luglio 26th, 2011

E dopo l’Islanda, quest’anno ci aspetta l’Irlanda come meta per il nostro “Travel Different” (che è anche un blog lanciato recentemente da alcune persone appassionate di viaggi). Partenza domani, aereo ore 11.

Il blog, quasiarrivati.com, continuerà ad essere il punto di riferimento dei nostri viaggi (si, stessi compagni di viaggio!). Probabilmente anche l’account twitter mio (Lorenzo aka Monossido) e di Edoardo (aka Dodazzo) rimarranno aggiornati.

“Dal Donegal alle isole Aran
E da Dublino fino al Connemara
Dovunque tu stia viaggiando con zingari o re
Il cielo d’Irlanda si muove con te
Il cielo d’Irlanda è dentro di te “

(Massimo Budola / Fiorella Mannoia)

Per i prossimi 20 giorni cercheremo quindi di scrivere il più possibile sul blog evitando di riproporre quegli aggiornamenti a “singhiozzi” che hanno caratterizzato il tour in Islanda (chi ci ha seguito l’anno scorso sa bene di cosa parlo!).

See ya!


Posted from Padova, Veneto, Italy.

Onlinerel Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google Yahoo Buzz StumbleUpon